OSSIGENO

L'ossigeno è un elemento chimico (simbolo O) del gruppo VI A del sistema periodico, non metallo, gas incolore, inodore e insapore. È l'elemento più abbondante della crosta terrestre (di cui costituisce ca il 47% in peso, combinato in particolare in forma di silicati e carbonati, principali costituenti delle rocce e dei terreni). Combinato con l'idrogeno nell'acqua, l'ossigeno forma ca il 90% in peso dell'idrosfera e come elemento libero (in forma di molecola biatomica O2) costituisce ca il 23% in peso dell'atmosfera .

Tutti gli esseri viventi sono costituiti in gran parte da ossigeno (un uomo adulto ne incorpora ca il 65% del proprio peso), presente come componente dell' acqua e contenuto in molti composti organici (per es., zuccheri, grassi e proteine). Di enorme importanza è la funzione dell'ossigeno nei processi respiratori e nelle reazioni di ossidazione e di combustione, il cui prodotto finale è biossido di carbonio CO2; dal biossido di carbonio, l'ossigeno viene riformato in continuazione attraverso il processo di fotosintesi delle piante verdi; negli strati superiori dell'atmosfera l'ossigeno per azione della radiazione solare si trasforma parzialmente in ozono , O3, che assorbe i raggi ultravioletti dannosi per gli esseri viventi, riformando di nuovo ossigeno (questo insieme di trasformazioni costituisce il ciclo dell'ossigeno).

L'ossigeno è molto reattivo e si combina praticamente con tutti gli elementi formando ossidi, secondo reazioni che avvengono con sviluppo di calore (dette di ossidazione se si svolgono con velocità controllata e di combustione se si svolgono con velocità elevatissima e forte emissione di calore). Nei suoi composti l'ossigeno manifesta grado di ossidazione - 2 e raramente - 1.

L'ossigeno per usi industriali viene prodotto per distillazione frazionata dell'aria liquida (vedi aria) e conservato e trasportato, come gas compresso, in bombole di acciaio a 125 atm o in autocisterne speciali, oppure allo stato liquido in appositi serbatoi sotto vuoto isolati termicamente. L'impiego primario dell'ossigeno in campo industriale riguarda la produzione di acciaio. L'ossigeno viene usato anche nel cannello ossiacetilenico e nel cannello ossidrico per produrre fiamme ad alta temperatura per il taglio e la saldatura dei metalli. Trova impiego anche nell'industria petrolifera nei processi di cracking, nella produzione del gas di sintesi, di acido nitrico, degli esplosivi e di molti altri prodotti chimici. Nelle attività aerospaziali, l'ossigeno liquido viene usato come propellente per razzi. In campo medico l'ossigeno viene utilizzato per arricchire l'aria in caso di difficoltà respiratorie.


Dizionario Medico