NEFRITE

Termine generico usato per indicare uno stato infiammatorio del rene. Le diverse forme di nefrite si distinguono in base all'area del rene colpita dall'infiammazione: quella più comune è la glomerulonefrite, che interessa i glomeruli renali, mentre la nefrite interstiziale e quella tubulare colpiscono rispettivamente i tessuti interstiziali e i tubuli del rene.

In genere piuttosto giovani, i pazienti colpiti da glomerulonefrite acuta hanno spesso accusato un' infezione batterica da streptococco poche settimane prima dell'esordio della malattia. L'affezione è caratterizzata da affaticamento, inappetenza, gonfiore del volto, dolore nella regione renale e urina scarsa, scura e torbida. Non esistono cure per la glomerulonefrite: la maggior parte dei pazienti guarisce spontaneamente nel giro di poche settimane; una piccola percentuale di casi, tuttavia, sviluppa nefrite cronica, una forma progressiva della malattia che distrugge gradualmente il rene.

Di solito la nefrite cronica è asintomatica, anche se l e analisi delle urine rivelano la presenza di albumina e di cellule ematiche.

Nei rari casi infausti, l'esito fatale può essere dovuto a una grave crisi ipertensiva arteriosa, seguita da morte per insufficienza renale o cardiaca. Tuttavia, con una dieta rigorosa e il ricorso alla dialisi in caso di insufficienza renale, molte persone affette da glomerulonefrite cronica riescono a vivere a lungo e in condizioni di seminormalità. Nei casi estremi può essere contemplato il trapianto del rene.



Dizionario Medico