MEDICINA AFFETTIVA

Allo stesso modo dei "fiori di Bach" e in analogia a quanto professano omeopatia, antroposofia e fitoterapia, le piante commestibili potrebbero agire sulle emozioni e sulle loro conseguenze, contribuendo alla salute psichica e fisica.

Secondo la "medicina affettiva", ideata dal medico francese Bernard Vial, i vegetali sono in sintonia con la nostra psiche ed è possibile individuare e assumere l'ortaggio che corrisponde allo stato d'animo, per risolvere i disagi.

Vial, osservando i vegetali, ha riscontrato attinenze per ciascuna varietà di vegetale con specifiche condizioni emotive dell'uomo. Le teorie del medico francese si basano su dati desunti da studi internazionali e soprattutto sul principio che "il simile cura il suo simile". Così l'asparago, stimolando i reni, trasforma gli egoisti, che sono rigidi come il suo fusto". Con le lenticchie, fonte di proteine, si potrebbe sconfiggere la diffidenza. Gli zuccheri delle banane farebbero maturare gli "adulti-bambini", mentre la vitamina C degli agrumi restituirebbe lucidità e fiducia. I cavoli, tramite le sostanze sulfuree, dovrebbero calmare i nevrotici.

La classificazione delle virtù terapeutiche dei vegetali, fatta da Vial, si propone come prontuario per alleviare le diverse disarmonie affettive e somatiche e riconciliare corpo e spirito.





Dizionario Medico