IPERVENTILAZIONE

L'iperventilazione indica l'aumento del ricambio dell'aria nei polmoni, in seguito alla maggior frequenza e profondità degli atti respiratori. Può verificarsi in condizioni fisiologiche (durante sforzo fisico, in alta montagna) o patologiche (encefalopatie, stati di coma) o come meccanismo di compenso nell'ambito del delicato equilibrio acido-base dell'organismo (per esempio, nelle forme di acidosi metabolica, l'iperventilazione consente di eliminare anidride carbonica -sostanza acida- per compensare l'accumulo di ioni idrogeno -acidi anch'essi- riportando così alla norma il pH ematico).

Anche i soggetti ansiosi spesso respirano più rapidamente o più profondamente del necessario. Il ritmo respiratorio normale in stato di riposo è di circa 10-12 cicli respiratori (inspirazione + espirazione) al minuto, mentre nei soggetti ansiosi si riscontra generalmente una frequenza superiore ai 15 cicli respiratori.
































Dizionario Medico