GINNASTICHE DOLCI


Alcuni definiscono le ginnastiche dolci "tecniche che curano l'anima", perchè oltre ad agire sul corpo, possono implicitamente cambiare stati d'animo e portare il soggetto a ricercare un benessere psicofisico. Questa relazione tra mente e corpo e le modalità con cui essi si influenzano a vicenda è una scoperta alquanto nuova per noi occidentali.

Le ginnastiche dolci, come le discipline orientali o i vari metodi di rilassamento, si propongono come obiettivo finale l’ equilibrio psicofisico, una più ampia comprensione del proprio corpo, l’attenzione e la presa di coscienza delle tensioni muscolari e di conseguenza il raggiungimento di un effetto benefico a livello mentale.

Le ginnastiche dolci si propongono dunque l’obiettivo di lavorare in modo disteso e non eccessivo, educando a rilassare la muscolatura eccessivamente contratta, sollecitando quei muscoli che non vengono mai presi in esame, cercando poi di tonificare anche la muscolatura profonda. A questo scopo vengono impiegati molteplici attrezzi come palle di gomma, palline e rotoli imbottiti che aiutano a rivolgere l’attenzione in alcune parti del corpo troppo contratte e insegnano a distenderle e ad allungare la muscolatura.

Il metodo delle ginnastiche dolci cerca anche di aiutare ad ottimizzare la respirazione. Il ritmo e l’ampiezza dell’atto respiratorio, infatti, cambiano ogni qualvolta siamo stressati, allarmati, dubbiosi o spaventati, oppure quando compiamo sforzi intellettivi o muscolari. Una respirazione ampia e regolare accresce la vitalità dell’individuo, agevola i processi di ossigenazione dei muscoli e degli organi, aiuta notevolmente la persona nel corso di una attività muscolare intensa di breve o lunga durata.

Dizionario Medico