ESTROGENI

Gli estrogeni sono un gruppo di ormoni sessuali tipici dell'organismo femminile. Vengono secreti principalmente dall'ovaio in risposta allo stimolo di un ormone ipofisario chiamato LH o luteinizzante. Una piccola quota di estrogeni viene prodotta anche dalle ghiandole surrenali e dalla conversione di altri ormoni; in modeste quantità sono presenti anche nell'organismo maschile.

Appartengono alla categoria degli ormoni sterioidei, un gruppo di sostanze naturali ed artificiali caratterizzate da una struttura a quattro anelli idrocarbuirici condensati.

L'estrogeno più conosciuto ed importante è l'estradiolo, che viene elaborato dalle ovaie a partire dal testosterone durante l’età feconda della donna; in gravidanza si registrano invece elevate concentrazioni di un altro estrogeno, chiamato estriolo, prodotto in quantità elevata dalla placenta; in menopausa prevale l'estrone, che deriva in massima parte della trasformazione dell’androstenedione a livello del tessuto adiposo.

Gli estrogeni sia naturali che sintetici svolgono importantissime funzioni fisiologiche.

Innanzitutto regolano la maturazione sessuale intervenendo nello sviluppo dell'apparato genitale.

La loro massiccia secrezione in epoca puberale induce la chiusura delle cartilagini di coniugazione delle ossa lunghe, terminando di fatto, la fase di accrescimento staturale.

Gli estrogeni stimolano lo sviluppo stromale della mammella e il mantenimento delle caratteristiche femminili secondarie (crescita delle mammelle, distribuzione dei peli, voce, statura, ossatura, distribuzione del grasso).

Permettono la fecondazione e la gravidanza, intervenendo nella regolazione del ciclo mestruale

Regolano la distribuzione del grasso corporeo, favorendone il deposito nelle anche, nelle natiche, nelle cosce e nell'addome al di sotto dell’ombelico.


Dizionario Medico