CRONODIETA

La cronodieta è stata messa a punto dal medico italiano Mauro Todisco.
Secondo lo studioso di cronobiologia, la scienza che studia i ritmi biologici legati agli eventi cosmici, anche la secrezioni di ormoni è organizzata in maniera ritmica.

Poichè gli ormoni seguono particolari ritmi (ritmi circadiani) durante la giornata, gli alimenti possono essere assimilati in modo diverso secondo l'arco temporale in cui sono assunti.

La cronodieta è una dieta dissociata, ossia privilegia solo l'assunzione di un macronutriente ad ogni pasto; permette di perdere peso senza sottoporre a privazioni di gusto e quantità dei cibi.

Per dimagrire e rimanere in buona forma, la dieta consiglia di consumare carboidrati la mattina, ossia durante l'arco della giornata in cui i corticosteroidi (ossia gli steroidi corticosurrenalici, gli ormoni che intervengono anche sul metabolismo glucidico) stimolano la gluconeogenesi ed influenzano il metabolismo glucidico, permettendo di consumare velocemente gli alimenti ricchi di calorie (carboidrati e grassi); le proteine andrebbero assunte soltanto durante la cena, poich` stimolano l'ormone della crescita e la melatonina (ormone che regola il sonno).

I carboidrati complessi devono essere assunti la massimo entro il pranzo; per una migliore digestione, è utile consumarli senza l'aggiunta di proteine.

Ricordiamo che molti alimenti considerati ricche fonti di carboidrati, come ad esempio la pasta, contengono anche proteine e lipidi (100 grammi di pasta di grano duro, ad esempio, contengono circa 73 grammi di carboidrati, 14 di proteine e 1 di lipidi).

La cronodieta prevede cinque pasti: colazione, spuntino, pranzo (il pasto più abbondante), spuntino pomeridiano e cena.

Per completare la dieta è utile aggiungere una regolare attività fisica.


Dizionario Medico