CROMOSOMI

I cromosomi sono dei piccoli corpuscoli contenuti nella parte più interna della cellula, detta nucleo, Sono formati da DNA (Acido Desossiribo Nucleico) che è suddiviso in unità, chiamate geni, responsabili del mantenimento e della trasmissione delle caratteristiche ereditarie dell'organismo. Nel complesso, l'insieme dei geni, detto genoma, contiene il cosiddetto codice genetico.

Esso indica ad ogni singola cellula di ogni essere vivente come funzionare e ne custodisce le caratteristiche in maniera codificata.

Nel genere umano il numero dei cromosomi è diverso a seconda che si tratti delle cellule che compongono tutti gli organi ed apparati, dette somatiche, rispetto alle cellule che occorrono alla riproduzione (ovuli e spermatozoi) dette cellule germinali.

Nel primo caso il numero dei cromosomi è pari a 46, di cui 44 detti AUTOSOMI e 2 detti cromosomi SESSUALI.
Nel secondo caso il numero è pari alla metà di cui 22 AUTOSOMI ed 1 cromosoma SESSUALE.

Gli AUTOSOMI delle cellule somatiche sono uguali a coppie, mentre i cromosomi SESSUALI sono uguali nella femmina e vengono chiamati coppia XX; al contrario, nel maschio sono differenti e sono chiamati coppia XY.

Dall'unione delle cellule germinali (ovulo e spermatozoo) si ricompone il numero di cromosomi della cellula somatica e successivamente, con suddivizione di essa in miliardi di altre cellule, l'individuo come noi lo vediamo.

Ogni essere è diverso dall'altro in quanto, mediante la riproduzione avviene un "rimescolamento" dei geni, essendo il patrimonio genetico di ogni persona formato dalla metà dei cromosomi di derivazione materna e metà di derivazione paterna.

Questo non avviene nei gemelli cosiddetti "omozigoti" il cui patrimonio genetico è identico, derivando essi da un'unica cellula, la quale, una volta divisasi in due, ognuna di queste due - identiche tra loro - darà vita ad un essere perfettamente identico all'altro.


Dizionario Medico