CATAPLASMA

Il cataplasma è un rimedio farmacologico di uso esterno: si applica direttamento sulla parte del corpo malata o dolorante attraverso due garze. E' una pasta medicamentosa la cui composizione può variare: solitamente si tratta di farine vegetali diluite in apposile soluzioni farmaceutiche in acua calda: proprio l'acqua calda garantisce un buno risultato in termini terapeutici grazie al calore che l'acqua rilascia sulla parte interessata. Il cataplasma più utilizzato e più facile da preparare è probabilmente quello a base di argilla: basta prendere una terrina ed aggiungere al suo interno un paio di centimetri di argilla, versando poi dell'acqua che superi il livello di argilla di almeno un centimetro. Lasciare riposare poi il contenuto per qualche ora, lasciando che l'argilla assorba del tutto l'acqua: la pasta ottenuta andrà poi spalmata su una pezza di bendaggio, che andrà poi applicata ancora fresca e non essicata sulla parte da trattare (ad esempio una zona dolorante o febbricitante particolarmente calda). Lasciare sulla zona interessata per qualche ora, finchè il cataplasma non è essicato del tutto. Lo scambio che avviene attraverso la pelle e l'argilla permette una scambio di importanti elementi di cui e composta l'argilla e lo scarto dei prodotti del metabolismo umano. L'argilla quindi assorbe il calore del corpo, liquidi e gas, rilasciando invece importanti sali minerali di cui è composta e che donano giovamento nella guarigione di infiammazioni e di disturbi legati all'apparato digerente.

Dizionario Medico