BOTULISMO

Il botulismo è una malattia che può provocare la morte dell'individuo, la si può contrarre dagli alimenti, genericamente in seguito a un'intossicazione alimentare, la quale vine provocata dalla tossina del Clostridium botulinum.

Il paziente affetto da botulismo si presenta con la sintomatologia seguente:

  • pupille fisse dilatate,
  • mucose secche,
  • paralisi muscolare progressiva che nei casi peggiori porta alla morte della persona.

Tutti coloro che si ammalano di botulismo nella maggioranza dei casi muoiono a causa di un collasso respiratorio.

La persona che presenta i sintomi sopracitati, ma sopratutto la rigidità cefalica e facciale dev'essere immediatamente portata all'ospedale dove verrà sottoposta a tracheotomia al fine di favorire la respirazione altrimenti impossibile, per poi trasferirla presso il reparto di rianimazione, nei casi più disperati per far sì che la persona possa respirare si applica la respirazione artificiale con il polmone d'acciaio, questo permette di salvare la vita altrimenti compromessa.

Il botulismo presenta anche altre due forme di contagio meno conosciute che sono:

  • il botulismo infantile contratto dai bambini in seguito all'ingestione delle spore del botulino, non a causa di una tossinfezione alimentare.
  • il botulismo da infezione da ferita.

Nell'arco della storia si riscontrano solo due casi di epidemia da botulino, una nell'isola danese di Langeland e la seconda in California. La tossina del botulino genericamente è di origine animale e è presente esclusivamente negli uccelli acquatici, bovini, cavalli e visoni.

Non in tutti icasi di botulismo però si manifestano le stesse sintomatologie, infatti alle volte si hanno manifestazioni subcliniche genericamente le più letali poichè necessità più tempo per l'individduazione della malattia, il botulismo.I sintomi del botulismo compaiono nell'arco delle 12-36 ore successive all'ingestione.

La sintomatologia classica è quella tipica dell'avvelenamento, con nausea, vomito, questo nella stragrande maggioranza delle persone. Altri sintomi da non sottovalutare sono le vertigini, l'astenia e i capogiri, anche se meno frequenti e atipici. Il botulismo ha una particolarità tutta sua, non genera anomalie nelle analisi cliniche, ossia dalle analisi non è possibile riscontrare alcuna malattia o parametro che definisca la malattia del paziente.
Nella magioranza dei casi il paziente quando viene ricoverato presso il nosocomio è cosciente e quindi è possibile fare una namnesi accurata che in buona parte dei casi salva la vita. Il botulismo è una malattia con la quale non si scherza, la medicina alle volte è impotente di fronte alla natura come l'uomo.

Dizionario Medico