L'isola di Montecristo è una delle isole più meridionali facente parte dell'arcipelago toscano. La particolarissima isola è selvaggia e solitaria e può essere visitata solo da 1000 persone all'anno nel periodo tra aprile e settembre proprio per preservare la sua unicità La priorità viene data alle scolaresche e gruppi organizzati. Questo iter molto severo porta a inevitabili code di attesa che possono arrivare fino a 2 anni.

Il celebre scrittore Alessandro Dumas ha reso celebre questa isola narrando di un leggendario tesoro nell'isola di Montecristo nel suo omonimo romanzo. Sull'isola si possono praticare diverse attività tra le quali escursioni a piedi insieme alla Forestale che vi indicherà gli itinerari per raggiungere le principali attrattive dell'isola che sono: la grotta del santo, il monastero di San Mamiliano e la villa reale di Vittorio Emanuele III, residenza di caccia.

Foca monaca
Isolamento ambientale e specie protette come la vipera, il discoglosso e la foca monaca

Il perenne isolamento e spopolamento dell'isola ha contribuito allo sviluppo della flora e della fauna che sono ricche di esemplari di animali e vegetali che vivono solo in questa meravigliosa isola: la vipera di Montecristo, il discoglosso sardo e uccelli migratori di vari tipi.

Un habitat talmente incontaminato e pulito che ha reso possibile anche l'insediarsi in modo stabile di alcuni esemplari di foca monaca, praticamente inesistenti in tutta l'area del Tirreno e del Mediterraneo.

Isola di Montecristo
Gli hotel benessere e gli alberghi dove dormire, soggiornare e mangiare bene a Montecristo