Il Parco Nazionale del Pollino è un parco nazionale che si estende tra la regione Basilicata e la regione Calabria, nell'Italia meridionale. Suddiviso tra le province di Cosenza, Matera e Potenza, con i suoi 1.820 chilometri quadrati è il più grande parco naturale del paese. Il suo nome deriva dal massiccio del Pollino (vetta più alta 2267 m).

è stato fondato nel 1992 e al suo interno possiamo trovare siti naturali ma anche siti archeologici di grande interesse. Il simbolo del parco è il pino loricato, che qui ha una delle sue ultime aree rimaste in crescita in Italia. Tra i 56 comuni che compongono il parco del Pollino, alcuni di questi hanno grande importanza storica come Rotonda, Castrovillari, Morano Calabro (convento di Colloreto), Laino Castello, Mormanno, Scalea, Papasidero, Civita, Cerchiara (chiesa della Madonna delle Armi).Nella Valle del Mercure sono stati scoperti resti interessanti di specie risalenti a ere preistoriche come Elephas antiquus e Hippopotamus.

Parco nazionale del Pollino
La fauna e la flora del parco nazionale

All'interno del parco nazionale del Pollino sono presenti numerose specie arboree il faggio, le sette varietà di acero, l'abete bianco, il pino nero, diverse specie di querce e esemplari di pino loricato, molto raro in Europa e che cresce solamente in zone particolarmente ostiche. Presente anche una grande quantità di specie di fiori che durante il loro periodo di fioritura sono un tripudio di colori che rallegrano l'intero paesaggio, si possono ammirare viole, genziane, lavanda e gigli rossi.

Anche molte specie animali trovano casa in questo parco, soprattutto quelle in via di estinzione come l'aquila reale, il cervo ed il grifone e di specie come il gatto selvatico, il capriolo, il nibbio reale e il granchio corallino che in questi luoghi trovano un rifugio tranquillo.

Fauna e flora del Pollino
Gli hotel benessere e gli alberghi dove dormire, soggiornare e mangiare bene al parco naturale del Pollino