Il Gran Sasso d'Italia è una complesso montuoso situato nell'Abruzzo, una regione del centro Italia. Il Gran Sasso costituisce il nucleo centrale del Parco Nazionale dei Monti della Laga che è stato istituito nel 1993. Qui si trovano le montagne più alte dell'Italia continentale, a sud delle Alpi e fa parte degli Appennini, la catena montuosa che percorre per tutta la lunghezza la penisola italiana. Teramo e L'Aquila sono le città più vicine al Gran Sasso, mentre Assergi, alla base della montagna, è il paese più vicino. Roma, invece, si trova a 132 km di distanza.

Gran Sasso d'Italia
Geografia

Le tre principali vette del Gran Sasso sono il Corno Grande, che con i suoi 2.912 metri è la vetta più alta dell'Appennino, il vicino Corno Piccolo e il Pizzo Intermesoli, che è separato dagli altri due picchi dalla profonda Val Maone. Il Corno Grande e il Corno Piccolo hanno la tipica colorazione cenere che proviene da calcare. Le cime sono coperte di neve per gran parte dell'anno, anche se il manto nevoso sembra essere meno ogni decennio. Il Corno Piccolo viene definito come il gigante addormentato. Ciò è dovuto alla comparsa di un profilo di un volto reclinato sul suo fianco. Questa visione del Corno Piccolo è evidente quando si osserva il monte da Pietracamela, piccolo paese nei pressi di Prati di Tivo, sul versante nord della montagna. Il Corno Grande e il Corno Piccolo con le loro pareti verticali forniscono agli alpinisti alcuni dei migliori punti di arrampicata di tutta Europa.

Il ghiacciaio del Calderone è situato sotto la cima del Corno Grande, fino al 2009 era il ghiacciaio più meridionale conosciuto in Europa; la deglaciazione dovuta al surriscaldamento del paese ha ridotto notevolmente le dimensioni del ghiacciaio. I Glaciologi ora si chiedono se il ghiacciaio sopravviverà al 2020.

Le pendici del Gran Sasso sono usate per il pascolo in primavera, estate e autunno da grandi greggi di pecore custodite da cani da pastore maremmani e abruzzesi così come le mandrie di bovini e di cavalli allo stato semi brado. I pascoli sono coperti di erbe di campo, fiori e vaste praterie. Il parco è anche l'habitat ideale per la fauna selvatica e specie rare come il lupo appenninico, l'orso marsicano, il gatto selvatico ed il camoscio d'Abruzzo, una varietà di camosci a rischio di estinzione, ma che ora stanno ripopolando il parco attraverso uno sforzo congiunto di WWF Italia e dell'amministrazione del parco. Altre specie di fauna selvatica presenti sono i cinghiali, le volpi, le bisce come la vipera dell'Orsini e una grande varietà di uccelli tra cui l'aquila reale, il falco pellegrino, l'astore, i passeri e le allodole cresta di roccia.

Alla base settentrionale del Corno Piccolo si trova Prati di Tivo, un importante e rinomato comprensorio sciistico in cui sciare e noleggiare gli sci. A est del Corno Grande e del Corno Piccolo c'è Campo Imperatore, un altipiano che ha una lunghezza di 27 km e una larghezza di 8 km altopiano a circa 2000 m di altezza.

Piste da sci
Monte Brancastelli
Ranuncoli
Storia del Gran Sasso

Nel 2005, il picco, alto m 2424, precedentemente chiamato Il Gendarme è stato rinominato in Picco Giovanni Paolo II, il giorno di quello che sarebbe stato l'ottantacinquesimo compleanno di Papa Giovanni Paolo II, che aveva visitato il Gran Sasso molte volte, dicendo che gli ricordava le montagne della sua nativa Polonia.

Turismo, escurionismo e sci

Il Gran Sasso si trova nel Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga. Percorrendo questa riserva naturale passerete su tratto della Strada Statale 80, conosciuta come la Strada Maestra del Parco.

La località è molto frequentatat dagli sciatori in inverno, e dagli arrampicatori ed escursionisti nelle altre stagioni, il Gran Sasso è molto frequentato dai turisti per la sua vicinanza a Roma.

Gli hotel benessere e gli alberghi dove dormire, soggiornare e mangiare bene al Gran Sasso d'Italia