SINUSITI CRONICHE

La sinusite è una delle malattie più comuni e consiste nell' infiammazione della mucosa di uno o più seni paranasali. Di solito la sinusite compare in seguito a un' infezione della cavità nasale, da lesioni o fratture delle ossa che delimitano i seni paranasali o un'infezione di un dente dell'arcata superiore possono causare la patologia.
Alcune malformazioni congenite, come la deviazione del setto nasale, possono provocare la sinusite. Anche attività sportive come il nuoto possono può essere causa di sinusite. Gli antibiotici devono essere somministrati per almeno 10-12 gg. ed il tipo di antibiotico viene scelto in base all'esame colturale.

Per sinusiti croniche si intendono episodi di durata superiore alle 4-5 settimane, mentre le sinusiti ricorrenti sono caratterizzate da episodi che si ripresentano frequentemente (almeno tre volte all'anno).

La sinusite può essere provocata o favorita anche da moltissimi altri fattori come: esposizione professionale a sostanze irritanti, uso cronico di farmaci, asma bronchiale, deviazione del setto nasale, traumi facciali, presenza di polipi, alterazioni ormonali ed allergie.

I sintomi tipici della sinusite sono:

- ostruzione nasale con secrezione gialla o verde (per la presenza di pus)
- dolore facciale
- sensazione di pressione facciale
- febbre
- mal di testa
- mal di denti; alitosi
- incapacità di percepire gli odori (anosmia)
- stanchezza
- tosse

Generalmente le secrezioni nasali tendono ad uscire più verso la gola che verso le narici dove la fuoriuscita è minore.

Quando il naso respira male ne risentono non solo i seni paranasali ma anche la tuba di Eustachio, un condotto che mette in comunicazione il naso con l'orecchio medio. Si spiega così il sintomo delle orecchie tappate che insorge molto spesso in concomitanza con l'attacco di sinusite.

Dizionario Medico