SENO - CHIRURGIA E RIDUZIONE

Due sono essenzialmente le considerazioni da fare quando si progetta un particolare intervento di chirurgia estetica al seno.
- Dimensione della massa
- Ptosi (rilassamento) della mammella

Riguardo la dimensione della massa mammaria, la chirurgia estetica del seno può intervenire aumentando o riducendo il volume.

Nel caso in cui la paziente presenti un seno eccessivamente sviluppato e troppo grande, sarà possibile ridurre la massa con l’intervento di riduzione mammaria, che elimina gli eccessi cutanei, adiposi e ghiandolari.

Tutti gli interventi di chirurgia estetica del seno vengono praticati in anestesia locale accompagnata da sedazione profonda, in modo tale da eliminare il dolore durante l’atto operatorio pur mantenendo autonome le funzioni vitali (respirazione). Ciò consente una chirurgia in giornata, un minore stress operatorio e una più rapida ripresa post operatoria.

Gli interventi di riduzione mammaria prevedono l’ asportazione della cute in eccesso e, nel caso della riduzione mammaria, verrà ridotta anche la massa adiposa e ghiandolare. Il capezzolo verrà inoltre riposizionato in sede adeguata. Le cicatrici delle incisioni saranno: attorno al capezzolo, verticale tra il capezzolo e il solco sottomammario e lungo il solco. In definitiva, i segni chirurgici più evidenti saranno a forma di T rovesciata sotto l’areola.

Dizionario Medico