Se alcuni problemi estetici sono risolvibili con una buona dieta, dalle mani esperte di un buon truccatore e con una buona e costante attività fisica, per altri al contrario non è così. Non tutti abbiamo infatti la fortuna di nascere senza difetti evidenti e con un fisico statuario, ma che soprattuto piaccia a noi stessi e che ci faccia sentire a nostro agio in mezzo alla gente; in più il modello di bellezza propinato giornalmente e con il quale ci bombardano i media in ogni angolo di strada con cartelloni pubblicitari, sulle riviste ed in televisione, è quantomeno irraggiungibile per i comuni mortali.

A causa di tutti questi fattori, la chirurgia plastica nell'ultima quindicina di anni ha conosciuto un incremento incredibile, letteralmente impennando gli introiti del mercato che ruota attorno all'estetica, dalle cliniche ai produttori di protesi fino alla ricerca medica e sui materiali che in questo campo non conosce sosta ne problemi di finanziamento. Se prima un intervento estetico era ad appannaggio esclusivo dei benestanti e di chi disponeva di notevoli possibilit economiche, ora grazie alla continua crescita della domanda e di conseguenza dell'offerta i prezzi e le tariffe sono andate via via diminuendo in maniera drastica diventando accessibili alla maggior parte della popolazione. Sono infatti cresciute a dismisura le cliniche estetiche ed i chirurghi che si occupano di questa branca della chirugia, in grado di correggere e riparare quei difetti sia congeniti che derivanti e secondari a traumi o malattie, o al naturale invecchiamento.

Le continue ricerche e studi per adottare tecniche ed applicazioni sempre nuove e meno invasive, ed il vasto campo di azione che un chirurgo estetico deve saper affrontare (le operazioni possono essere cutanee e di superficie ed anche intervenire sui tessuti profondi e dello scheletro), necessitano di una buona consapevolezza da parte del paziente e di qualche utile consiglio su come affrontare un'operazione di chirurgia plastica, consigli su come scegliere il chirurgo e la clinica estetica nella quale venire operati, sulle scelte e sulle conseguenze alle quali si può andare incontro:

  • anzitutto un consiglio di tipo psicologico: è bene ricordarsi che il tempo passa per tutti e prendere atto di questa affermazione e farla propria, capirla fino in fondo per farsene una ragione è il primo passo per entrare a far parte del mondo della chirurgia plastica estetica. Riuscire quindi a dare il giusto peso psicologico al proprio difetto e cercare, se possibile, di conviverci senza ricorrere all'operazione, capendo che un intervento è realmente necessario ed obbligatorio quando il difetto comporta ripercussioni di tipo funzionale
  • non chiedere troppo alla chirurgia plastica: può fare molto ma non è un'arte magica; se il malessere che ci attanaglia è più che altro di tipo interiore un intervento può poco o nulla
  • non cercare di assomigliare ai propri miti, alle showgirls televisive o all'attore / attrice di turno famosa ed in voga al momento: è importante non prendere come modello personaggi televisivi il cui look è volutamente esagerato e non adatto alla vita lavorativa e sociale normale. Cambiare il proprio aspetto per assomigliare a qualcun'altro denota poi un disagio che andrebbe affrontato in altro modo, prima che in sala operatoria
  • per evitare brutte sorprese (drammatici fatti di cronaca ce lo rammentano spesso) cercare di identificare al meglio il proprio chirurgo verificando che sia effettivamente iscritto all'ordine dei medici ed informandosi poi sulla sua specializzazione (che deve essere ovviamente di chirurgo estetico)
  • non ricorrere al chirurgo plastico quando ormai è troppo tardi: è meglio intervenire più volte con interventi poco invasivi, accompagnando l'invecchiamento piuttosto che chiedere cambiamenti troppo radicali che potrebbero facilmente non risolvere il problema estetico e lasciarci insoddisfatti
  • essere realistici sull'intervento e sulle aspettative appena finito l'intervento: vi vedrete per un certo periodo (chiedere al chirurgo) sicuramente più brutti poichè il decorso post operatorio lascia spesso spazi a gonfiori, echimosi e bendaggi che andranno via via sparendo nei giorni successivi l'operazione
  • costo dell'intervento: un'operazione e di conseguenza la propria salute è una delle poche cose al mondo dove il risparmio non è la soluzione migliore. La qualità, ad esempio delle protesi, in questo caso si paga cara ed è importante non buttarsi nella situazione più economica perché con la salute non bisogna scherzare
  • informarsi su quanto sarà lunga la degenza post operatoria ed in quanto sarà possibile riprendere la vita normale
  • avere ben presente come cambierà il proprio corpo, per essere psicologicamente pronti ad un cambiamento estetico che può essere anche radicale e portare a scompensi molto pesanti sul piano dell'equilibrio psico-mentale
  • informarsi su quali sono i rischi e le percentuali di insuccesso dell'intervento
  • la struttura è nella quali si verrà operati è coperta da assicurazione?
  • chiedere al vostro chirurgo di fiducia qualsiasi preoccupazione e domanda vi salti in mente e seguire passo dopo passo le sue indicazioni. Dovete avere ben presente il percorso medico in termini di farmaci e di comportamenti da seguire una volta terminata l'operazione
chirurgia estetica con iniezioni
chirurgia plastica agli occhi del viso
chirurgia plastica al seno

Hotel e alberghi in cui alloggiare